LE ISTANZE E I DATI EMERSI SULLA NAUTICA DA SEACILY 2021

Due giorni intensi di convegni in occasione del Seacily 2021, il Salone della Nautica organizzato da Assonautica Palermo presso Marina Villa Igiea.

Nell’incontro di apertura, è intervenuto il vice presidente vicario di Assonautica Italiana Francesco Di Filippo, che oltre a portare il saluto del Presidente Acampora,  ha ricordato  l’importanza della filiera nautica e del turismo nautico nel più ampio contesto dell’economia del mare e della blu economy e quindi il ruolo strategico di eventi espositivi come il salone di Palermo per rappresentare la multisettorialità dell’industria nautica. ” Bisogna arrivare presto  – ha spiegato Di Filippo  – ad una regolamentazione normativa più veloce ed adeguata a sostegno dello sviluppo della nautica e del Turismo nautico  e abbiamo la necessità di superare il gap culturale e di considerazione che l’intero settore sconta rispetto ad altri settori industriali e turistici del nostro Paese. E’ di vitale importanza  riconoscere definitivamente, formalmente e concretamente  il turismo nautico quale segmento turistico e indirizzare anche sul settore nautico le politiche di sostegno, le risorse e le attività di promozione solitamente riservate al settore turistico. Tutti obiettivi su cui è impegnata l’Assonautica Italiana ma che si intende raggiungerli attraverso un’azione di sistema e in sinergia con le altre associazioni di categoria,  in primis con Confindustria Nautica presente a Palermo con il suo Vice Presidente, e le amministrazioni statali e locali.”

Occhi puntati sulla nautica, settore che, come si legge nel report sul Turismo nautico in Sicilia, elaborato da Assonautica Palermo su dati Unioncamere Sicilia, e presentato in fiera, registra numeri in forte crescita e che rappresenta un importante comparto per l’economia siciliana: 1.694 imprese; 5.697 addetti; 137 approdi e un fatturato in costante crescita.

“È evidente – commenta il presidente di Assonautica Palermo, Andrea Ciulla – che siamo di fronte a un settore dalle grandi potenzialità e la Sicilia non può permettersi di perdere, soprattutto adesso, tutte le opportunità che ne derivano. Il Seacily punta proprio ad accendere i riflettori su un segmento dell’economia siciliana che può davvero fare registrare performance di rilievo. Vorrei ringraziare l’assessore regionale al Turismo, Manlio Messina, che oggi è stato con noi, per la disponibilità costante nei confronti del settore e per il percorso avviato per la riforma delle norme in materia di turismo. Come Assonautica Palermo, tra l’altro, abbiamo proposto un pacchetto di norme proprio per rinforzare la presenza del settore del turismo nautico all’interno del ddl Turismo in fase di discussione. Ringrazio inoltre l’assessore comunale Sergio Marino per la partecipazione e l’impegno nell’ambito delle tematiche ambientali legate alla nautica e la Guardia costiera per il supporto che garantisce al nostro mondo”.

Nella seconda giornata nel convegno di apertura Francesco Di Filippo ha ricordato l’impegno di Assonautica Italiana con i progetti del Marine Litter e l’iniziativa di sensibilizzazione dei diportisti quale la  “gara” di pesca alla plastica”  attuate dalle Assonautiche di Pescara e Trieste contro la dispersione della plastica nel mare.

Nell’importante convegno sulla normativa dei Marina Resort e Turismo nautico, cui ha preso parte tra gli altri l’assessore al Turismo della Regione Siciliana Manlio Messina, nel ribadire l’importanza del turismo nautico con il suo indotto economico e dei porti turistici quali porte di accesso ai territori e alle destinazioni turistiche costiere, è stata presentata l’iniziativa di Assonautica Italiana nei confronti della Conferenza delle Regioni per sensibilizzare i Presidenti delle Regioni italiane  e richiedere al Governo, al  Ministero del Turismo e altre Amministrazioni interessate di :

– accelerare l’attività di recepimento e armonizzazione delle classificazioni dei Marina Resort in tutte le legislazioni turistiche  regionali ;

– riconoscere formalmente il turismo nautico quale segmento turistico e indirizzare su di questo le attività di sostegno e di promozione tipiche del settore turistico;

– promuovere intese e chiarimenti, soprattutto con alcune Amministrazioni statali,  per la regolamentazione definitiva e certa delle nuove forme di ospitalità nautica relative allo “static charter” già molto diffuso nel mondo (Houseboat, Bed and Boat, Albergo nautico diffuso);

– semplificazione normativa e sostegno verso le imprese del charter nautico.

SHARE