Assonautica Italiana è stata istituita da Unioncamere   nel 1971 per promuovere la nautica da diporto, il turismo nautico e l’Economia del Mare. Ha sede a Roma, presso l’Unioncamere, in piazza Sallustio. E’ composta attualmente da 44 Camere di commercio, 44 Assonautiche provinciali, 2 Unioncamere regionali e 2 Assonautiche regionali. Soci sostenitori sono l’Unioncamere, l’Istituto Tagliacarne e l’Ucina. Nel 2009 è stato firmato un protocollo d’intesa con la Fiv e la Lega Navale Italiana.

In occasione del 150° anniversario dell’Unità d’Italia, nel 2011, ha promosso la “Staffetta Nautica” che, toccando circa 66 porti e lambendo circa 8000 Km di coste, ha inteso unire idealmente “l’Italia dal mare”.

Ha sottoscritto protocolli d’intesa con Assocamerestero e con diverse Camere di commercio italiane all’estero (tra le prime Melbourne, Nice Sophie Antipolis Cote d’Azur, Italo Brasileira di San Paolo, UK Londra, Istanbul, Sofia, Tunisi, Tirana) per internazionalizzare il settore dell’economia del mare, con Assonat per il sostegno alla portualità turistica, con ANSA e ANSA Mare, Nautica Editrice, SuperYacht, Porto & Diporto e Canali Aperti per la necessaria copertura mediatica di settore.

Nel 2013 e 2014 ha organizzato a Gaeta – nell’ambito di Yacht Med Festival – la prima e seconda Conferenza di sistema delle Assonautiche d’Italiaistituendo sette importanti tavoli di lavoro: internazionalizzazione, turismo nautico, formazione e innovazione, navigazione acque interne, sicurezza in mare, ambiente, qualificazione dei porti turistici. Sempre a Gaeta, capitale del Mediterraneo per la Sea – Economy, ha ristrutturato e rivitalizzato Assonautica Euromediterranea. Ha collaborato, sempre a Gaeta YMF, alla prima e alla seconda edizione degli “Stati Generali delle Camere di commercio” e al 2° e 3° “Forum dell’Economia del Mare”.

Ha editato e promosso in esclusiva la prime e la seconda edizione dell’Agenda Assonautica dell’Economia del Mare, vero strumento di lavoro con circa 200 appuntamenti di eventi, regate veliche, competizioni, fiere, saloni nautici, convegni e forum, in programma in Italia e all’estero, numeri utili, link e piccolo dizionario nautico, numeri e dati delle Camere di commercio e delle assonautiche in Italia. L’edizione 2014/15, ribattezzata “Sea Economy Agenda” è tutta in lingua inglese, 128 pagine, tutti gli appuntamenti della nautica nel mondo, diverse rubriche, un dizionario essenziale dei termini nautici. “Sea Economy Agenda” è destinata al circuito delle fiere internazionali di settore e distribuita in 5° Paesi nel mondo attraverso il sistema delle Camere di commercio italiane all’estero.

Assonautica italiana è coprotagonista – grazie al Raggruppamento delle assonautiche dell’Adriatico – al classico “Appuntamento in Adriatico”, iniziativa storica di Assonautica che si collega alle nuove “Rotte del Mediterraneo” (Rotte della Magna Grecia®, Rotte della Sicilia, Rotte di Enea, Rotte della Sardegna e del Nord Tirreno).

In tema di “economia del mare”, è stata special guest al METS di Amsterdam e al Festival de la Plaisance de Cannes promuovendo – in tema di distretti nautici – un ponte ideale per il 2014, tra la Regione / Unioncamere Lazio e la Regione/Unioncamere Puglia; con il proprio stand istituzionale partecipa sistematicamente al SEA-TEC di Massa Carrara, al BIG BLU di Roma, allo YACHT MED FESTIVAL di Gaeta, al Salone Nautico di Genova, alla “Festa della Marineria” di La Spezia, alla Barcolana di Trieste.

Altro fiore all’occhiello è il progetto “CAMBUSA di ASSONAUTICA” che mira – attraverso il canale della nautica e la rete dei porti – alla valorizzazione delle eccellenze made in Italy: dai prodotti agroalimentari all’artigianato artistico alla migliore offerta turistica. Ispirandosi al format degli antichi navigatori Greci il progetto Cambusa® (brevettato nel 2006) si basa sul motto: “Diportisti Ambasciatori della propria terra”. In programma anche i “Cambusa Store” nelle principali capitali estere.

Nel 2014, infine, ha promosso il progetto Quality Marine®, che coinvolgerà ben 55 Camere di commercio sul mare ed è finalizzato alla qualificazione e certificazione di porti turistici e approdi in Italia. L’obiettivo è migliorare complessivamente l’accoglienza, incrementare il turismo nautico e creare una rete dei porti turistici (to be continued…)